Sei qui
Home > News > Sottopasso, i primi cenni di cedimento

Sottopasso, i primi cenni di cedimento

Dopo pochi mesi dal completamento dei lavori, il sottopasso di collegamento fra via Palmieri e piazza della Concordia già mostra i primi segni di cedimento.

sottopasso-via palmieri
Sottopasso, lavori in corso

Nel marzo del 2015, per la precisione il 18, perveniva presso il comune di San Sebastiano una relazione tecnica sullo stato di degrado di alcuni box privati accessibili da via Palmieri causato dalla cattiva manutenzione delle aree pubbliche sovrastanti.

La procedura di gara, espletata di li a poco, assegnava la manutenzione straordinaria del sottopasso, ritenuto in parte colpevole delle infiltrazioni riscontate nei garage e ridotto esso stesso da anni in condizioni di degrado vergognose, ad una ditta di Massa di Somma per un importo di circa 50.000 €, IVA ed oneri di sicurezza compresi.

La consegna dei lavori, avvenuta nel febbraio di quest’anno, ha restituito al sottopasso un volto nuovo: sostituita completamente  la pavimentazione, si è provveduto ad una totale impermeabilizzazione prima della messa in opera delle nuove piastrelle di colore grigio; i ferri del solaio sono stati trattati e recuperati lì dove l’intonaco si era distaccato per la ruggine; le pareti sono state imbiancate a coprire gli scarabocchi eseguiti da sprovveduti imbrattatori, i vetri puliti e l’impianto elettrico sostiuito.

sottopasso-via palmieri-2
Plafoniera pericolante

Stamattina abbiamo però ricevuto una foto che getta ombre sulla qualità con cui tali opere sono state realizzate. A distanza di  un mese la plafoniera che segna l’inizio del sottopasso da piazza della Concordia si è distaccata quasi completamente e penzola in modo pericoloso attaccata da un lato al filo elettrico di alimentazione. A cedere, parte dei ficher che la ancorano al solaio. La sua eventuale caduta al suolo, prevedibile considerando  lo stato di fatto, costituisce grave pericolo per l’incolumità dei passanti. Non entriamo più di tanto nel merito delle altre lavorazioni eseguite, ma, considerando l’importo complessivo dell’opera, ci saremmo aspettati di meglio.

Lascia un commento

Top